MondoGrappa, la grande novità per tutti gli amanti di grappa e distillati

Finalmente è arrivato MondoGrappa (mondograppa.it), il portale online che approfondisce in tutte le sue sfaccettature del vasto mondo della grappa e dei distillati in generale.

In esso è possibile scoprire tutti i segreti di grappe, distillati e liquori partendo dalla descrizione dei diversi metodi di produzione, le diverse tipologie e marche, fino ad arrivare ad interessanti suggerimenti sulla loro degustazione e presentazione.

Argomento cardine è certamente la grappa: un vero e proprio tesoro italiano tutelato anche a livello europeo attraverso un apposito Regolamento il quale definisce tale prodotto come “acquavite di vinaccia distillata esclusivamente in Italia”. Assieme alla generica denominazione Grappa, inoltre, vengono tutelate anche altre 9 zone cosiddette IGT, ovvero Indicazioni Geografiche Tipiche, le quali, in ragione delle loro particolari caratteristiche ambientali e conformazione morfologica del terreno, producono un prodotto dalle inimitabili caratteristiche aromatiche e non solo degne di tutela anche legale. In particolare, ad oggi, queste 9 aree, composte da regioni e sottozone, sono:  Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino e Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, sottozona del Barolo, Sicilia e sottozona del Marsala.

Quando ci si avvicina al mondo della grappa, inoltre, è fondamentale, al fine di capirlo appieno, imparare a conoscere tutti gli aspetti della materia prima da cui essa scaturaisce, ovvero la vinaccia. Questa deriva sostanzialmente dalle bucce dell’uva precedentemente adoperata per la produzione di vino. In particolare, essa può essere fermentata o meno (ed in questo caso viene definita vergine): nel primo caso essa sarà tendenzialmente bianca, non avendo fermentato con il mosto del vino, lasciando quindi tale compito al distillatore; nel secondo caso, invece, la vinaccia ha precedentemente fermentato con il mosto del vino ed in questo modo ha acquisito una percentuale alcolica. In entrambi i casi, però, sia che si tratti di vinaccia fermentata o meno, tale processo  dovrà avvenire per forza. Solo attraverso questo fondamentale passaggio, in questo modo gli zuccheri  potranno essere trasformati in alcool ottenendo un composto semisolido che verrà utilizzato nella fase successiva del procedimento di produzione: la distillazione. In quest’ultima, infatti, attraverso il calore si ottiene la separazione della componente alcolica, e degli aromi desiderati, dalla materia solida. Ciò può avvenire secondo diverse tecniche ed attraverso l’utilizzo di diversi strumenti (alambicchi).

In conclusione, risulta evidente, dunque, come questa specialità tutta italiana sia ricca di sfaccettature ed aromi diversi che rispecchiano i mille volti e profumi delle regioni italiane. Per questo motivo, piuttosto che di Grappa, è più corretto parlare di Grappe. Allo stesso modo, inoltre, numerose sono le tipologie di grappa prodotte in tutto il territorio: si parte dalle grappe più giovani e fruttate, fino ad arrivare alle grappe invecchiate o in barrique con i loro aromi più elaborati e corposi. Tutti i loro segreti, il metodo di produzione e le caratteristiche principali vengono descritte attraverso un vero e proprio viaggio di riscoperta delle tradizioni antiche e popolari del nostro territorio ma anche di un futuro più tecnologico ed attento all’ambiente.

Leave a Reply

Instagram