Risotto al pompelmo rosa e scampi

Il riso compare molto raramente sulla tavola e non vi è nulla di più sbagliato. Si tratta, infatti, di un alimento completo, sano, nutriente ed altamente digeribile. Il riso ha innumerevoli proprietà: regola la flora intestinale, è ricco di potassio e povero di sodio (è indicato per tutti coloro che soffrono di ipertensione), è privo di glutine (può essere consumato dagli individui affetti da celiachia), contiene vitamine, ferro, calcio, fosforo e zinco.

Questo cereale, in cucina, diventa un valido alleato con cui preparare gustose pietanze.
I risotti, in particolar modo, costituiscono un tipico primo piatto della tradizione culinaria italiana e soddisfano il palato di tutti.
Il riso si sposa, infatti, con una miriade di ingredienti e tra questi vi sono le verdure, i funghi, i crostacei e perfino la frutta.

Tra le tante Ricette Dietetiche di Metodiperdimagrire.it oggi vogliamo parlarvi del risotto al pompelmo rosa e scampi, una portata in cui si riscopre tutto il sapore del mare unito al gusto aspro, ma nello stesso tempo dolce del pompelmo.

Gli scampi sono crostacei Decapodi e vengono apprezzati e consumati fin dai tempi antichi. Sulle navi venivano, infatti, cucinati in particolari recipienti di coccio (busara).
Vantano una composizione simile a quella del pesce magro e sono, quindi, indicati per tutti coloro che seguono una dieta ipocalorica. Sono particolarmente ricchi di calcio, magnesio, fosforo, selenio, sodio, proteine e vitamine (B2 e PP).
Hanno un esiguo contenuto di grassi e carboidrati, ma sono fonte di colesterolo.

Per queste ragioni devono essere consumati con moderazione dai soggetti che presentano valori elevati di LDL.
Questi crostacei apportano, inoltre, diversi benefici all’organismo: migliorano la salute dei muscoli, stimolano la crescita dei capelli, risanano la vista e rendeno la cute più bella.
La loro assunzione può causare orticaria nei soggetti allergici, mentre devono prestare molta attenzione le persone affette da ipertiroidismo.

In Italia vengono pescati soprattutto nell’Adriatico e nel Tirreno, ma ve ne sono anche altre varietà e tra queste ricordiamo gli scampi del Pacifico, quelli australiani, atlantici ed indopacifici.

INGREDIENTI

Le dosi si riferiscono a 6 porzioni di risotto al pompelmo rosa e scampi.
Gli ingredienti sono i seguenti:
-“350 grammi di riso Carnaroli”
-“3 pompelmi rosa”
-“la scorza di un limone”
-“1 spicchio d’aglio”
-“1 bicchiere di vino bianco”
-“18-20 scampi”
-“olio extravergine quanto basta”
-“sale quanto basta”
-“1 cucchiaino di burro”
-“cipolla”
-“sedano”
-“carota”

PREPARAZIONE

  • Sgusciate, per prima cosa, gli scampi e privateli delle loro teste.
  • Lasciatene, però, da parte sei che vi servono per decorare i piatti.
  • Rosolate in padella i crostacei con l’aglio ed un filo di olio extravergine.
  • Sfumate quindi il tutto con il vino bianco.
  • Nel frattempo preparate un fumetto con le teste, i gusci e le verdure.
  • Filtrate accuratemente il brodo, spremete i pompelmi e grattuggiate le scorze.
  • Aggiungete il riso, precedentemente tostato, agli scampi ed irrorate con il brodo.
  • Unite, trascorsi circa 8 minuti, la spremuta di pompelmi.
  • Portate a termine la cottura e mantecate con il burro.
  • Servite il risotto guarnendo ciascuna porzione con le scorzette degli agrumi ed uno scampo.

CONSIGLI

Gli scampi, come quasi tutti i crostacei, sono molto delicati e di conseguenza devono essere consumati quanto prima oppure congelati. Molto spesso vengono venduti ancora vivi per dimostrarne la freschezza. Prima di acquistarli assicuratevi che non emanino odore di ammoniaca e che la loro testa non sia nera.
La colorazione deve essere uniforme e la presenza di eventuali macchie è da attribuirsi ad un prodotto non fresco.
Gli occhi devono, infine, essere gonfi e molto scuri. Gli scampi freschi possono essere conservati in frigorifero per un giorno, ma abbiate l’accortezza di coprirli con un foglio di pellicola alimentare.

Se, invece, decidete di metterli in freezer fatelo quanto prima, ma prima riponeteli in un sacchetto facendo attenzione ad eliminare quanta più aria possibile.
Un passaggio fondamentale per la buona riuscita del risotto è la tostatura del riso, indispensabile per salvaguardare la compattezza dei chicchi durante la cottura.

Il cereale deve essere gettato a secco in una pentola di alluminio o rame stagnato.
Usate una casseruola sufficientemente ampia in modo tale che il riso si distribuisca sul fondo e si tosti uniformemente.
Fate, però, attenzione che non si attacchi o si bruci e perciò mescolatelo con un cucchiaio di legno.

Leave a Reply

Instagram