Le caratteristiche della grappa barricata

La barrique è una botte più piccola rispetto alle solite con una capienza di solito pari a 225 litri, una dimensione ridotta che permette una maggiore ossigenazione del prodotto al suo interno ed allo stesso tempo garantisce un corretto e pieno sviluppo di tutte le proprietà organolettiche di esso. Tali caratteristiche rendono la grappa contenuta in questa tipologia di botti molto pregiata e con un gusto e aromi particolari.

In tal senso sono determinanti anche altre caratteristiche della barrique: il tipo di legno utilizzato, generalmente frassino, ciliegio, rovere, acacia, che a seconda della tipologia andrà a conferire un particolare aroma (vaniglia, cioccolato, caffè, tabacco e altri) e colore (dal più trasparente, al giallo paglierino fino all’ambrato) alla grappa; la presenza di affumicatura del legno che costituisce la botte o meno; le condizioni atmosferiche ed il grado di umidità dell’ambiente in cui le barriques vengono conservate. Da sottolineare, inoltre, come tutte le barriques non possano essere trattate con sostanze chimiche né impermeabilizzate appunto per rendere possibile e non intaccare in alcun modo il trasferimento dei profumi e colori del legno alla grappa in esse contenute.

In particolare, ad esempio, l’utilizzo di una barrique fatta in legno di rovere proveniente dalla Borgogna andrà a far acquisire alla grappa barricata un aroma molto forte di vaniglia, mentre una barrique costituita di legno di ciliegio conferirà alla grappa una colorazione molto chiara ed una profumazione più delicata. Come già accennato, inoltre, la presenza di affumicatura su un qualunque tipo di legno utilizzato per la barrique andrà inevitabilmente a partecipare alla determinazione del gusto finale del prodotto dandogli la fragranza inconfondibile di affumicato.

botte di grappa barricata

Una grappa barricata per poter essere definita barricata deve riposare, o meglio affinarsi, all’interno di questo particolare tipo di botti per un periodo di almeno 12 mesi; questo, infatti, è il tempo minimo necessario affinché il legno possa sprigionare tutte le sue profumazioni e caratteristiche che verranno assorbite ed amalgamate dalla grappa contenuta nella barrique. Ogni distilleria, tuttavia, ha la discrezionalità di aumentare questo periodo di affinamento al fine di raggiungere le colorazione, profumazione o sapore tipico della propria casa. Qualora questo periodo di tempo superi i 18 mesi si parlerà allora di “Riserva”.

Per chiarezza inoltre è necessario distinguere tra grappa barricata e grappa invecchiata: solo la prima infatti viene affinata in barrique mentre una grappa invecchiata, invece, riposa in botti normali di qualsiasi tipologia o dimensione. Allo stesso modo sono diversi anche i termini temporali: la grappa barricata, infatti, si affina per almeno 12 mesi, metà dei quali passati in barrique; mentre la grappa invecchiata, invece, deve riposare per almeno un anno.

Leave a Reply

Instagram